Cerca:
Login: Password: Registrati
Ricorda password
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità
CONTATTI
RETE DI SENSIBILI ALLE FOGLIE

Altre Culture
Analisi istituzionale
Cantieri di socianalisi narrativa
Diversamente abili
Fantascienza
Fantasy
Immigrazione
Istituzioni totali
L'evasione possibile
Lutto
Malattia
Narrativa sociale
Pedagogia
Poesia
Progetto memoria
Psichiatria critica
Ricerca sociale
Scenari di guerra
scuola
Servizio sociale
Stati modificati di coscienza
Storie di vita

L'AMBASCIATRICE DEI DRAGHI
Dettagli € 23,00

ANARCHISMO E PSICOLOGIA DEL PROFONDO


Prezzo*: € 18,00 Inserisci nel carrello  Inserisci nel carrello

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

Anarchismo e psicologia del profondo

Il fondamento ontologico dell'egualitarismo




La caduta del muro di Berlino ha avuto come immediato e prevedibile effetto, sul piano ideologico socio-politico-economico, la nascita e l’endemica, rapidissima, diffusione di un “pensiero unico” che, confondendo il piano storico-effettuale con quello filosofico-ideologico-progettuale, non solo giudica aberranti i tentativi storici di realizzazione del comunismo, ma bolla categoricamente come assurdo e irrealizzabile lo stesso ideale egualitario in quanto contrario alla natura umana, che, di conseguenza, troverebbe la sua unica, legittima espressione nel sistema capitalistico-borghese fondato sulla proprietà privata. L’autore del presente lavoro rovescia letteralmente tale assunto, sostenendo che la tendenza egualitaria è inscritta nella stessa natura dell’uomo e che il sistema capitalistico altro non è se non la manifestazione sintomatica di un grave stato di alienazione e pervertimento della vera essenza umana. Attraverso un appassionato excursus nella storia del pensiero occidentale (che ha le sue pietre miliari nelle figure di Socrate, Cristo e Rousseau) ed una profonda analisi psicologica delle determinanti del comportamento umano, (condotta per mezzo della psicologia junghiana e di quella esistenziale) egli dimostra l’assoluta infondatezza dell’antropologia hobbesiana e ci propone una nuova visione dell’uomo e dell’etica. Punto d’approdo di questo ricco itinerario è la dimostrazione della realizzabilità di una società anarco-egualitaria, l’unica, a parere dell’autore, che possa consentire la piena realizzazione dell’autentica natura dell’uomo. A questo risultato egli giunge nell’ultimo capitolo, attraverso un confronto con Karl Marx, di cui riconosce i meriti ed evidenzia i limiti.


.

Sergio Starace è nato a Lecce nel 1952. Laureatosi in Pedagogia (indirizzo psicologico), si è poi specializzato in Psicoterapia e in Ipnosi Medica. Ha ricoperto per ventuno anni la cattedra di Ordinario di Filosofia e Storia presso diversi licei della provincia di Lecce. Ha pubblicato: I Cantautori contemporanei alla luce della Psicologia del profondo, Nuovi Orientamenti, 1987; “Arte, comunicazione e trasformazione”, Estratto da Studi e Ricerche n. 4, 1984, Istituto di Psicologia Sociologia Igiene, Università di Lecce; “La scuola tra ontologia e storia”, Estratto Annuario 1997-98, Liceo Ginnasio di Stato “G. Palmieri”, Conte Editore, Lecce 1998.



isbn 978-88-89883-83-9


pagine176






Torna alla homepage




PIVA: 03917011003 | Uso dei cookies