Cerca:
Login: Password: Registrati
Ricorda password
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità
CONTATTI
INCONTRI SENSIBILI
RETE DI SENSIBILI ALLE FOGLIE

Altre Culture
Analisi istituzionale
Cantieri di socianalisi narrativa
Diversamente abili
Fantascienza
Fantasy
Immigrazione
Istituzioni totali
L'evasione possibile
Lutto
Malattia
Narrativa sociale
Pedagogia
Poesia
Progetto memoria
Psichiatria critica
Ricerca sociale
Scenari di guerra
scuola
Servizio sociale
Stati modificati di coscienza
Storie di vita

L'AMBASCIATRICE DEI DRAGHI
Dettagli € 23,00

LA LUNGA SFIDA

Scarica file

Prezzo*: € 12,00 Inserisci nel carrello  Inserisci nel carrello

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

“Questo libro è la vita di Marisa, è il suo particolare angolo di osservazione del mondo che le appartiene e contemporaneamente della nostra società. È una critica, a volte sopita altre volte feroce, del consumismo, dei ‘non-valori’ dei nostri tempi.  Scritto come un unico flusso di pensieri e emozioni, questo libro è lo specchio incrinato dall’emarginazione, dal disagio, dalla disabilità, dove ciascuno di noi si dovrebbe riflettere.  Marisa Galli oggi ha 75 anni. Di origini contadine, per 35 anni ha vissuto in campagna nell’entroterra di Fermo nelle Marche senza sostegni né contatti con l’esterno. Dopo aver imparato a leggere e a scrivere da sola e aver preso coscienza della sua incredibile condizione di emarginazione (povera, disabile e donna), insieme ad un piccolo gruppo di tredici persone nelle sue stesse condizioni e un giovane prete ‘scomodo’, Don Franco Monterubbianesi, nel ’66 ha fondato la Comunità di Capodarco di Fermo prendendo possesso di una villa abbandonata. In seguito ha partecipato alla creazione delle prime cooperative integrate in Italia con l’inserimento di disabili nel mondo del lavoro; fra la fine degli anni ’60 e gli anni ’70 ha girato in lungo e in largo il paese per testimoniare l’esperienza unica di Comunità che aveva contribuito a creare; ha fondato nel ’74 la Comunità Capodarco di Roma e i primi gruppi famiglia nella capitale. Da una vita destinata all’emarginazione e all’isolamento sociale, a quella di un riscatto personale e collettivo”.    dall’introduzione di Pietro Orsatti  




Torna alla homepage




PIVA: 03917011003 | Uso dei cookies