Cerca:
Login: Password: Registrati
Ricorda password
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità
CONTATTI
INCONTRI SENSIBILI
RETE DI SENSIBILI ALLE FOGLIE

Altre Culture
Analisi istituzionale
Cantieri di socianalisi narrativa
Diversamente abili
Fantascienza
Fantasy
Immigrazione
Istituzioni totali
L'evasione possibile
Lutto
Malattia
Narrativa sociale
Pedagogia
Poesia
Progetto memoria
Psichiatria critica
Ricerca sociale
Scenari di guerra
scuola
Servizio sociale
Stati modificati di coscienza
Storie di vita

L'AMBASCIATRICE DEI DRAGHI
Dettagli € 23,00

CRITICA AL GIUDIZIO PSICHIATRICO

Foto Gallery


Prezzo*: € 13,00 Inserisci nel carrello  Inserisci nel carrello

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

Prefazione: Thomas Szasz   Inserto fotografico:  Esterni in interno , di Massimo Golfieri.    Il potere degli psichiatri negli ultimi anni è aumentato notevolmente. Essi hanno esteso il loro campo d’intervento inventando nuove diagnosi. Se la psichiatria classica aveva elaborato alcuni concetti che si riferivano a situazioni estreme, quella contemporanea estende le sue categorie a situazioni della vita che nessuno in passato avrebbe mai pensato potessero entrare nella sua sfera di attribuzione. Oggi, quindi, la situazione è ancora più drammatica di quanto non lo fosse nei primi anni 90, quando fu pubblicato per la prima volta questo libro. Drammatica e velata dal falso discorso secondo cui i manicomi in Italia non ci sono più. E’ vero, infatti che le vecchie istituzioni sono state smantellate nel senso che non vengono più ricoverate altre persone, ma molti dei lungo internati rimangono ancora oggi chiusi in edifici che hanno cambiato solo denominazione. Permane inoltre il trattamento sanitario obbligatorio (TSO), in base al quale si può prendere una persona con la forza, portarla in una clinica psichiatrica e, con la forza, costringerla a cambiare i suoi pensieri ed i suoi comportamenti. In questo modo gli psichiatri possono intervenire su chiunque e non è confortante che intervengano solo quando questo è utile a qualcuno, a qualcuno che ha potere e che può decidere su chi ne ha meno. Perciò la critica va portata alla radice, al giudizio psichiatrico. Infatti, definire malata di mente una persona implica che tutto quello che fa, dice, sente, viene considerato privo di senso. Togliendo il significato al pensiero la psichiatria toglie anche la responsabilità alle persone, annullandole. L’uomo privato della produzione di senso e dell’attribuzione di responsabilità non esiste più. In un mondo dove ognuno è solo con il proprio dolore.    




Torna alla homepage




PIVA: 03917011003 | Uso dei cookies