Cerca:
Login: Password: Registrati
Ricorda password
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità
CONTATTI
INCONTRI SENSIBILI
RETE DI SENSIBILI ALLE FOGLIE

Altre Culture
Analisi istituzionale
Cantieri di socianalisi narrativa
Diversamente abili
Fantascienza
Fantasy
Immigrazione
Istituzioni totali
L'evasione possibile
Lutto
Malattia
Narrativa sociale
Pedagogia
Poesia
Progetto memoria
Psichiatria critica
Ricerca sociale
Scenari di guerra
scuola
Servizio sociale
Stati modificati di coscienza
Storie di vita

L'AMBASCIATRICE DEI DRAGHI
Dettagli € 23,00

QELIPPOTH

Scarica file

Prezzo*: € 16,00 Inserisci nel carrello  Inserisci nel carrello

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

Le qelippoth sono i detriti dell’impurità e del male che la Cabbalà crede si generino durante il processo di manifestazione cosmica di Dio che emerge dal profondo della sua identità segreta. Il titolo riflette pertanto l’idea centrale dell’opera: il Male e il Bene, sempre in lotta fra loro, emergono l’uno dall’altro. A volte, nel mondo dell’uomo, il loro rapporto diventa inestricabile e solo la sofferenza, provata o causata, rappresenta un filo di Arianna attraverso cui alcune creature possono orientarsi per uscire da questo labirinto. Le creature “pure”, distanti dal Male, sono più spesso donne e bambini, mentre il protagonista rimane coinvolto nella grande confusione tra Bene e Male del mondo degli uomini e del potere, e riesce a superare (forse) solo nell’istante finale della sua vita il dilemma della propria identità di fronte alla scelta morale. La storia ha uno sviluppo ben determinato nel tempo, la prima metà del ventesimo secolo con le sue guerre e le sue catastrofi economiche e sociali, e nello spazio, tra il Sud della Francia, l’America e la Germania nazista. Personaggi fantastici si alternano a personaggi storicamente reali o realistici. I riferimenti storici e filosofici sono controllati con rigore, cercando però di non incanalare la storia su binari incompatibili con la vena favolistica della narrazione.    

.

 Giuseppe Donato, professore associato presso la Facoltà di Medicina dell’Università “Magna Graecia” di Catanzaro, è autore di numerosi lavori scientifici soprattutto nel campo della neuropatologia su riviste di livello internazionale e di monografie per la didattica. Ha pubblicato Ethica more poetico demonstrata, Maremmi Editori, 2009.  

. formato 14 x 21  

p. 176






Torna alla homepage




PIVA: 03917011003 | Uso dei cookies