Cerca:
Login: Password: Registrati
Ricorda password
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità
CONTATTI
RETE DI SENSIBILI ALLE FOGLIE

Altre Culture
Analisi istituzionale
Cantieri di socianalisi narrativa
Diversamente abili
Fantascienza
Fantasy
Immigrazione
Istituzioni totali
L'evasione possibile
Lutto
Malattia
Narrativa sociale
Pedagogia
Poesia
Progetto memoria
Psichiatria critica
Ricerca sociale
Scenari di guerra
scuola
Servizio sociale
Stati modificati di coscienza
Storie di vita

L'AMBASCIATRICE DEI DRAGHI
Dettagli € 23,00

FIABE DEL MAROCCO

Scarica file

Prezzo*: € 14,00 Inserisci nel carrello  Inserisci nel carrello

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

I venti racconti che compongono il volume appartengono alla tradizione orale dei popoli del Marocco: i Berberi, che lo abitano dai tempi antichi, e gli Arabi, la cui influenza risale ai secoli VII-VIII.Essi presentano sorprendenti analogie di temi, motivi e personaggi con le storie di altri popoli, da quelli vicini del Mediterraneo e del mondo arabo-islamico a quelli delle regioni più lontane del mondo.

Ecco allora la storia de L'Orco e il Santo, una chiara rielaborazione dell'episodio di Polifemo, narrato nel IX libro dell'Odissea, un racconto che viene da lontano, in cui ritroviamo l'eco degli antichi canti ellenici. Ma ce ne sono tante altre, come La storia della fanciulla di legno, un'evidente versione del tipo Pelle d'asino, la celebre fiaba dei Racconti di Mamma Oca, che Perrault raccolse nel 1657, o quella di Lalla Khallâl el-Khadrâ, che ricorda la fiaba di Biancaneve.

Durante i secoli in cui questo patrimonio meraviglioso si andava formando, l'attenzione dei suoi creatori si  focalizzava su quegli aspetti della vita che erano fondamentali nel determinare la loro esistenza: le creature animali, come la gazzella e il cammello, le foreste dell'Atlante, coi loro alberi possenti, il deserto sconfinato, gli esseri fantastici che popolavano i luoghi più riposti della natura e del mondo umano, e poi la famiglia e le classi sociali, le tribù e i popoli, coi loro contrasti e coi loro desideri.Sono le storie particolari dei villaggi sperduti delle montagne, delle campagne, del deserto, le storie delle medine coi loro mercati e le loro piazze, come quella straordinaria di Jema' el-Fnâ a Marrakesh, specchio e simbolo del Marocco tradizionale, ma sono anche le storie universali di tutti gli esseri umani, perché riflettono i problemi e le aspirazioni di ognuno di noi. 

 Marcella Guidoni ha effettuato studi demo-etno-antropologici all’Università di Roma La Sapienza ed ha collaborato per diversi anni col Centro Interuniversitario di Ricerca sulle Civiltà del Sahara Antico e delle Zone Aride.

Nel corso di vari viaggi di studio e di ricerca nei paesi arabo-islamici, ha approfondito la conoscenza della cultura, della lingua e delle tradizioni dei popoli islamici.Attualmente insegna Materie Letterarie presso il 1° Centro Territoriale Permanente Nelson Mandela di Roma. 






Torna alla homepage




PIVA: 03917011003 | Uso dei cookies