Cerca:
Login: Password: Registrati
Ricorda password
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità
CONTATTI
RETE DI SENSIBILI ALLE FOGLIE

Altre Culture
Analisi istituzionale
Cantieri di socianalisi narrativa
Diversamente abili
Fantascienza
Fantasy
Immigrazione
Istituzioni totali
L'evasione possibile
Lutto
Malattia
Narrativa sociale
Poesia
Progetto memoria
Psichiatria critica
Ricerca sociale
Scenari di guerra
scuola
Servizio sociale
Stati modificati di coscienza
Storie di vita

L'AMBASCIATRICE DEI DRAGHI
Dettagli € 23,00

RAZZA E DIRITTO NELL'ESPERIENZA COLONIALE ITALIANA

Scarica file

Prezzo*: € 18,00 Inserisci nel carrello  Inserisci nel carrello

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

Questo libro tratta della “razza”. Sebbene questa nozione non possa applicarsi alla specie umana, vi è stata una vera e propria costruzione giuridica di questo concetto, tanto radicato da ricorrere ancora diffusamente nel gergo e da ritrovarsi persino all’articolo 3 della Costituzione della Repubblica. In Italia questo è avvenuto nel quadro dell’espansione coloniale, tra l’ultimo ventennio dell’Ottocento e la fine della seconda guerra mondiale. Sono qui esplorate le ricadute normative delle concezioni d’epoca in materia di “razza”, nel mondo accademico e scientifico, con particolare attenzione alle colonie di Eritrea ed Etiopia. Il quadro che ne emerge presenta un razzismo di matrice italiana dai tratti peculiari, sviluppatosi soprattutto nel ventennio fascista sul terreno coloniale africano, giunto solo alla fine del suo percorso alla legislazione antisemita del 1938. Perciò ampio spazio viene dedicato alla condizione giuridica dell’indigeno, alla regolazione dei rapporti tra colonizzato e colonizzatore e allo statuto giuridico del “meticcio”, figlio di relazioni intime tra popolazione italiana in colonia e nativi. Ricca di fonti bibliografiche, questa ricerca storica mette in luce le ricadute culturali del colonialismo nell’immaginario collettivo della società italiana e nelle attuali politiche in materia di immigrazione.  

 .

  Michele Bonmassar, laureato in Giurisprudenza all’Università degli Studi di Fi-renze, è praticante avvocato presso uno studio legale di Trento.    . p 224  

Prodotti correlati
DIFENDERE LA ‘RAZZA’
IMMIGRAZIONE Un punto di vista
DA SUD A NORD
La Frontiera abitabile
I DANNATI DEL LAVORO
LA BABELE AMBULANTE
NÉ QUI NÉ ALTROVE
Non solo badanti
NON SONO VENUTA PER SCOPRIRE LE SCARPE
Razzismo e indifferenza
RESPINTI SULLA STRADA




Torna alla homepage




PIVA: 03917011003 | Uso dei cookies