Cerca:
Login: Password: Registrati
Ricorda password
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità
CONTATTI
RETE DI SENSIBILI ALLE FOGLIE

Altre Culture
Analisi istituzionale
Cantieri di socianalisi narrativa
Diversamente abili
Fantascienza
Fantasy
Immigrazione
Istituzioni totali
L'evasione possibile
Lutto
Malattia
Narrativa sociale
Pedagogia
Poesia
Progetto memoria
Psichiatria critica
Ricerca sociale
Scenari di guerra
scuola
Servizio sociale
Stati modificati di coscienza
Storie di vita

L'AMBASCIATRICE DEI DRAGHI
Dettagli € 23,00

IL "GALLETTO" E SERRAMAGGIO

Scarica file

Prezzo*: € 16,00 Inserisci nel carrello  Inserisci nel carrello

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

Novembre 1936. Nelle campagne del pesarese, avviene un efferato triplice omicidio che passerà alla storia locale come la “strage di Serramaggio”: un’intera famiglia massacrata nella propria abitazione a colpi di scure. Un fatto sanguinoso al quale seguono lunghe e affannose indagini che coinvolgono numerose persone, anche se, sin dall’inizio, l’attenzione degli inquirenti si concentra sul “Galletto”, un contrabbandiere di tabacco definito “vagabondo”, “socialista” e “immorale”. Un perfetto colpevole per un’inchiesta giudiziaria che si protrae a lungo senza produrre prove. Isidoro Savini, il “Galletto”, trascorre così oltre metà della sua esistenza tra carcere e manicomio criminale fino al sopraggiungere della  morte. Molti anni dopo, la confessione sul letto di morte di un’altra persona getterà nuova luce sull’intera vicenda. La storia qui ricostruita invita tutti a riflettere sul dispositivo del capro espiatorio e sulla tendenza – tanto delle istituzioni quanto della gente – ad attribuire questo ruolo ai soggetti più fragili.


Marco Milli è nato nel 1966 a Roma, dove si è laureato in Lettere. Vive da dieci anni in Umbria. È stato redattore del mensile L’altrapagina e attualmente collabora con il quadrimestrale Pagine Altotiberine. Ha pubblicato C’era una volta Corniole..., Città di Castello, 2006.


Alvaro Tacchini, ispettore onorario agli archivi per l’Umbria, è autore di numerosi volumi di storia contemporanea su Città di Castello e sull’Alta Valle del Tevere.

 

formato 14x 21 cm

pagine 176 



Prodotti correlati
Vito il recluso




Torna alla homepage




PIVA: 03917011003 | Uso dei cookies