Cerca:
Login: Password: Registrati
Ricorda password
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità
CONTATTI
RETE DI SENSIBILI ALLE FOGLIE

Altre Culture
Analisi istituzionale
Cantieri di socianalisi narrativa
Diversamente abili
Fantascienza
Fantasy
Immigrazione
Istituzioni totali
L'evasione possibile
Lutto
Malattia
Narrativa sociale
Poesia
Progetto memoria
Psichiatria critica
Ricerca sociale
Scenari di guerra
scuola
Servizio sociale
Stati modificati di coscienza
Storie di vita

L'AMBASCIATRICE DEI DRAGHI
Dettagli € 23,00

CONTRO L'OBBEDIENZA E LA SERVITÙ


Prezzo*: € 15,00 Inserisci nel carrello  Inserisci nel carrello

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

Nel primo capitolo di questo libro è proposto il diario sociale dell’Autore. Il diario sociale (un’esperienza vissuta nell’ambito della socioanalisi narrativa) è uno strumento fondamentale per stimolare il pensiero riflessivo e l’agire creativo. Esso consente agli operatori sociali che lavorano nelle istituzioni di raccontare quello che sentono, vedono e sanno. Raccontare e raccontarsi, però, non è un’operazione ordinaria. L’operatore sociale che scrive il diario è – per dirla con le parole di Georges Lapassade – un soggetto in transe, ossia che «vive in uno stato di coscienza modificato da una forte emozione». Da questo punto di vista possiamo anche dire che l’operatore che tiene il suo diario cura se stesso. L’operatore non è solo. È una realtà relazionale. Può parlare al suo diario, far di questo il suo consigliere, il suo terapeuta, il suo specchio. Il secondo capitolo viene da lontano, da Il servizio sociale: storia, ricordi, pensieri. Viaggio alla ricerca di una traccia (2002). È un quaderno di aforismi. Il linguaggio aforistico, pur non avendo la pretesa di trattare gli argomenti in modo sistematico, ha il pregio di essere sincero, spontaneo e naturale. Esso sorge liberamente dal vivo del cuore, come esercizio, meditazione, riflessione critica sulle cose morali, sociali e professionali. Il suo pathos essenziale è l’indignazione, il suo compito essenziale è la denuncia contro il potere, l’obbedienza, la servitù. Tutto ciò ci porta a dire che il lavoro sociale non è un sapere metodologico, ma un sapere spirituale etico, una forma di ascesi, un ideale trascendente al servizio della comunità.
 
.
 
GIUSEPPE CERTOMÀ è saggista e studioso dei problemi del lavoro sociale. Tra le sue opere ricordiamo: Il servizio sociale: storia, ricordi, pensieri. Viaggio alla ricerca di una traccia (2002); Guido Calogero e Maria Calogero Comandini. Il servizio sociale in una democrazia moderna (2005); Il servizio sociale è l’etica pratica dell’altruismo. Storia, prin- cipi e fondamenti (2006); Fare sviluppo di comunità nel Mezzogiorno. Storia ed esperienze di lavoro sociale (2009); Il carcere discarica e il tramonto del servizio sociale della giustizia (2010); Il servizio sociale di Teresa Ossicini Ciolfi: una scelta di vita (2011); Il servizio sociale: In principio era l’azione. Critica del metodo e origine della storia (2012).
.
 
formato 14 x 21 cm
.
p. 104 


Prodotti correlati
ANGELA ZUCCONI Il lavoro sociale di comunità come partecipazione dal basso
Guido Calogero e Maria Calogero Comandini. Il servizio sociale in una democrazia moderna
Il servizio sociale di Teresa Ossicini Ciolfi: una scelta di vita
il servizio sociale è l'etica pratica dell'altruismo
Il servizio sociale: in principio era l'azione
IL SERVIZIO SOCIALE: STORIA, RICORDI, PENSIERI
PER UN SERVIZIO SOCIALE DELLA GIUSTIZIA UMANO AUTONOMO E CREATIVO




Torna alla homepage




PIVA: 03917011003 | Uso dei cookies