Cerca:
Login: Password: Registrati
Ricorda password
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità
CONTATTI
RETE DI SENSIBILI ALLE FOGLIE

Altre Culture
Analisi istituzionale
Cantieri di socianalisi narrativa
Diversamente abili
Fantascienza
Fantasy
Immigrazione
Istituzioni totali
L'evasione possibile
Lutto
Malattia
Narrativa sociale
Poesia
Progetto memoria
Psichiatria critica
Ricerca sociale
Scenari di guerra
scuola
Servizio sociale
Stati modificati di coscienza
Storie di vita

L'AMBASCIATRICE DEI DRAGHI
Dettagli € 23,00

TRANSE E DISSOCIAZIONE


Prezzo*: € 13,42 Inserisci nel carrello  Inserisci nel carrello

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

La dissociazione identitaria è un dispositivo umano psicologico comune ed universale che è stato scoperto nel secolo scorso a partire da varie esperienze: la pratica dell’ipnosi, la terapia dell’isteria, lo sdoppiamento della personalità. Nel 1784, Puységur, con la tecnica mesmeriana d’induzione della transe, scopre la possibilità di produrre il sonnambulismo artificiale che, della dissociazione, è una forma elementare. Nel 1889, Pierre Janet elabora il suo concetto contribuendo in tal modo a fondare il paradigma della transe. Nel nostro secolo esso ha vissuto un duplice destino. Freud, dopo aver dato un contributo alla sua elaborazione, con un brusco viraggio lo ha abbandonato per dare corso all’elaborazione della psicanalisi e del suo paradigma. L’antropologia psicologica lo ha invece utilizzato per descrivere vari stati tra i quali la possessione ritualizzata, la medianità, lo sciamanismo. Negli ultimi anni, segnatamente negli USA e nel nostro paese, la dissociazione conosce un grande ritorno soprattutto tra gli psicoterapeuti e in relazione agli studi sugli stati di coscienza e sulle personalità multiple. Georges Lapassade, nella sua lucida esposizione del cammino che in Occidente prende avvio con il modello storico-culturale della possessione demoniaca e dell’esorcismo, ci invita a riflettere sulla possibilità attuale di utilizzare questo concetto come risorsa analitica e gli stati di dissociazione volontaria come risorsa vitale.      




Torna alla homepage




PIVA: 03917011003 | Uso dei cookies