Cerca:
Login: Password: Registrati
Ricorda password
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità
CONTATTI
RETE DI SENSIBILI ALLE FOGLIE

Altre Culture
Analisi istituzionale
Cantieri di socianalisi narrativa
Diversamente abili
Fantascienza
Fantasy
Immigrazione
Istituzioni totali
L'evasione possibile
Lutto
Malattia
Narrativa sociale
Pedagogia
Poesia
Progetto memoria
Psichiatria critica
Ricerca sociale
Scenari di guerra
scuola
Servizio sociale
Stati modificati di coscienza
Storie di vita

L'AMBASCIATRICE DEI DRAGHI
Dettagli € 23,00

IL SUICIDIO


Prezzo*: € 13,42 Inserisci nel carrello  Inserisci nel carrello

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

 il suicidio

Eventi e comportamenti 

Prefazione di Augusto Debernardi

Presentazione di Fabio Samani 

 

Un saggio competente sul tema delicato e spinoso del suicidio, qui guardato analizzando il contesto, per capire gli eventi, comprendere i comportamenti e immaginare una prevenzione che sappia abbracciare la complessità della questione suicidio

Di fronte al suicidio scattano dei meccanismi psicologici più disparati: dal rifiuto alla colpa, dalla giustificazione al rimprovero, dall'accusa alla comprensione. Con essi, quasi immediati, i giudizi più svariati: il suicidio è il massimo della viltà o l'estremo gesto di affermazione, è la fuga del disperato o l'estrema evasione del prigioniero, è un omicidio simbolico o un gesto concreto di trasformazione? Tutto ciò che non si comprende, o che si ha la presunzione di ritenere estraneo a noi, crea un'atmosfera di angoscia placabile solo, forse, con risposte pronte e rassicuranti, non importa se veritiere o meno.

Questo lavoro non dà risposte seduttive, né ritiene che giudizi univoci, generalizzati e consolanti possano corrispondere ad un approccio approfondito ad un problema tanto complesso quanto misterioso. Il suicidio potrebbe trovare riscontro nel significato della parola tedesca Heimlich, il segreto, ciò che si nasconde nell'intimità, nelle pieghe dell'anima, nell'ambivalenza del pensiero, nell'incertezza dell'esistere; e, come accade spesso in questa lingua dei filosofi, scaturisce un altro valore di contenuto, l'Unheimlich, l'allarmante, il minaccioso, ciò che non è controllabile, non è catalogabile, non è ragionevolmente domabile. In questo senso il suicidio è il gesto che lega l'intenzionalità all'azione: l'azione sarà possibile sottoporla a qualunque tipo di esame e di classificazione., l'intenzionalità rimarrà sempre mimetizzata nell'anima del soggetto che in quel momento, in quel luogo, con quella modalità, avrà perseguita all'estremo la massima decisionalità prevista in ogni singola vita.

 

 

 

 

Formato 14 x 21

p. 144 






Torna alla homepage




PIVA: 03917011003 | Uso dei cookies