Cerca:
Login: Password: Registrati
Ricorda password
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità
CONTATTI
RETE DI SENSIBILI ALLE FOGLIE

Altre Culture
Analisi istituzionale
Cantieri di socianalisi narrativa
Diversamente abili
Fantascienza
Fantasy
Immigrazione
Istituzioni totali
L'evasione possibile
Lutto
Malattia
Narrativa sociale
Poesia
Progetto memoria
Psichiatria critica
Ricerca sociale
Scenari di guerra
scuola
Servizio sociale
Stati modificati di coscienza
Storie di vita

L'AMBASCIATRICE DEI DRAGHI
Dettagli € 23,00

SOS CAMMINOS DELLA DIFFERENZA

Prezzo*: € 13,42   Siamo spiacenti, il prodotto non è al momento disponibile.

Richiedi avviso

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

Due storie di vita in Sardegna, in Brasile, nel carcere del 2000

"Sos camminos", in dialetto sardo, sta per "i sentieri", quegli impervi e stretti passaggi tra le frasche, in montagna, che solo i più abili sanno percorrere senza smarrirsi o ferirsi.

Quelli che vengono tracciati qui sono quindi I sentieri della differenza.

"Era una mattina molto fredda. il filo della puntuale disciplina s'era momentaneamente spezzato come qualche volta capitava. Non arrivai per primo nei cortili né fui messo nell'ultimo, come avrebbe dovuto essere. Nel cortile a fianco a quello in cui entrai c'era Valdimar, con una maglietta a mezze maniche, tutto infreddolito. Che un ragazzo abituato a un clima caldo venisse al passeggio in mezze maniche, col freddo che faceva, mi stupì. Gli chiesi allora perché fosse senza maglione e lui rispose che lo aveva lavato e stava asciugando sul termosifone. 

– Non ne hai un altro?

Aveva solo quello, mi rispose timidamente.

A quel punto, rompendo la disciplina che pretendeva che io non parlassi con anima viva, gli chiesi cosa gli servisse oltre al maglione. Aveva bisogno di tutto. Tutto".

Così l'incontro nel cortile dell'aria del carcere di Bergamo, fra Annino Mele, pastore sardo condannato all'ergastolo, e Valdimar Andrade Silva, omosessuale brasiliano. 

Questo libro narra i ricordi dei camminos sardi e delle vie brasiliane, narra l'incontro tra due differenze, entrambe socialmente sanzionate, che percorrendo impervi camminos giungono, da culture e storie diverse, all'accoglimento e al rispetto dell'altro, di quel "diverso" che la società punisce e isola.

Questa storia - due storie - lancia una sfida, apre una breccia nel muro. Chiede a tutti di non rimuovere quella breccia, e di guardare dentro. 

 

formato 14 x 21

p. 152

 






Torna alla homepage




PIVA: 03917011003 | Uso dei cookies