LA PORTA DEL MARE

12,00 €
Tasse incluse

A cura di: Giulia Spada e Nicola Valentino

Con la partecipazione di: Laboratorio Torri di Babele 

Disponibile

 

Informazioni sulle spedizioni

  Informazioni sull'acquisto dei libri in pdf

(quando il libro è disponibile in versione pdf)

La porta del mare. Socioanalisi narrativa dei dispositivi di gestione neocoloniale dei migranti

 

Questo libro presenta i risultati di un cantiere di socioanalisi narrativa sulle esperienze lavorative all’interno di alcune delle nuove istituzioni per richiedenti asilo e protezione umanitaria, svoltosi tra la primavera e l’autunno dell’anno 2017 a Milano. Alla ricerca hanno partecipato operatori e operatrici che lavorano all’interno di queste strutture di “accoglienza” e che aderiscono al collettivo autogestito Laboratorio Torri di Babele. Dalla ricerca emerge che il circuito istituzionale, che inizia con la porta del mare, è caratterizzato dalla presenza di istituzioni totali a impronta coloniale che lavorano all’assoggettamento delle persone “ospitate”. Un’orma che è anche retaggio del passato coloniale europeo e italiano. Il cantiere narra diversi momenti conflittuali fra l’immaginario di accoglienza promosso da questo gruppo di operatori e operatrici, che si basa sul rispetto dell’autonomia e dell’autodeterminazione dei migranti, e le visioni istituzionali sintetizzabili nel motto: “Bisogna insegnar loro come si vive in Italia”. Auspichiamo che la ricerca favorisca una riflessione sul rifiuto da parte degli operatori di subire passivamente il ruolo e le mansioni entro cui vengono incasellati, ma anche che fornisca strumenti utili socialmente per orientarsi e contrastare la situazione attuale, improntata a un razzismo istituzionale, attraverso un immaginario che concepisca il muoversi e il sostare degli esseri umani sulla Terra come un processo libero e autodeterminato.

 

Nicola Valentino, nell’ambito del suo lavoro di socioanalista, in questa collana ha pubblicato: Istituzioni post-manicomiali, 2005; Pannoloni verdi, 2006; Barelle, 2008; I ghetti per i Rom, 2011; Medici senza camice, 2013. Per Sensibili alle foglie, ha inoltre pubblicato: nel 2012 I sogni di Palmi; con R. Curcio e M. Prette, La socioanalisi narrativa; nel 2017 Le istituzioni dell’agoniae L’arte ir-ritata.

Giulia Spada per queste edizioni ha pubblicato, nel 2016, con Annino Mele, Quando si vuole; con Luigi Spada, Cinque globuli rossi.

Scheda tecnica

Formato
14X21 cm
Pagine
96
ISBN
978-88-32043-10-5
Prima edizione
2018