Cerca:
Login: Password: Registrati
Ricorda password
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità
CONTATTI
INCONTRI SENSIBILI
RETE DI SENSIBILI ALLE FOGLIE

Altre Culture
Analisi istituzionale
Cantieri di socianalisi narrativa
anziani
cooperative finanziarie
immigrazione
istituzioni post manicomiali
mondo del lavoro
ospedali
zingari
Diversamente abili
Fantascienza
Fantasy
Immigrazione
Istituzioni totali
L'evasione possibile
Lutto
Malattia
Narrativa sociale
Pedagogia
Poesia
Progetto memoria
Psichiatria critica
Ricerca sociale
Scenari di guerra
scuola
Servizio sociale
Stati modificati di coscienza
Storie di vita
Tecnologie

L'AMBASCIATRICE DEI DRAGHI
Dettagli € 23,00

ASCOLTARE E NARRARE


Prezzo*: € 14,00 Inserisci nel carrello  Inserisci nel carrello

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione


RENATO CURCIO

(a cura di)


ASCOLTARE E NARRARE


SOCIOANALISI NARRATIVA DI ALCUNE ESPERIENZE PEDAGOGICHE

NELLA COOPERATIVA SOCIALE FAMIGLIA NUOVA


Questo libro nasce da un cantiere socioanalitico svolto con una cooperativa che si occupa di accoglienza e si confronta con problematiche sociali relative alle tossicodipendenze, ai minorenni in difficoltà e ai migranti. I cambiamenti paradigmatici emersi, tanto nell’organizzazione interna alla struttura quanto nelle relazioni tra gli operatori e gli utenti vengono proposti per l’interesse sociale che presentano. Le organizzazioni fondate e gestite da figure carismatiche si trovano infatti in un dato momento del loro cammino nella necessità di rifondarsi, riconoscendo il dispositivo assembleare come uno degli strumenti di gestione possibili. Gli orientamenti pedagogici sono qui esposti a partire dalle esperienze degli operatori e delle operatrici in numerose strutture dislocate sul territorio nazionale. Si confrontano l’impostazione direttiva – che si è socialmente affermata, tanto nella scuola quanto nell’ambito del lavoro sociale – e la sperimentazione di pratiche autogestionarie, con il loro carico di fallimenti ma anche di opportunità aperte. Alla rigidità direttiva, propria delle istituzioni che inviano gli utenti alla cooperativa, viene comparata un’impostazione basata sull’ascolto degli accolti e sulla narrazione quale metodo di conoscenza e di elaborazione delle proprie pratiche. Una pedagogia partecipativa che, prendendo in conto la sovraimplicazione istituzionale che caratterizza il lavoro nel sociale, consente di compiere passi avanti nella direzione di una più ampia democrazia. Con l’ambiziosa intenzione di “creare per tutte le persone le condizioni affinché realizzino pienamente il proprio potenziale e raggiungano una ragionevole felicità”.


Hanno partecipato attivamente al cantiere: Ivan, Barbara, Christel, Alberto, Livia, Grazia, Emanuele, Gian Michele, Jessica, Martina, Valentina, Arduino, Emanuela, Ilaria, Giulia, Giancarlo, Marco, Carla, Sara, Francesco, Ciro, Cecilia, Giulia, Serena, Sara, Maria Cristina, Irene, Giorgia, Manuel, Federica, Erika, Gian Franco, Mariarosa, Elisa, Bruno, Maurizio, Raffaella, Ilaria, Carla, Sara, Cristina, Gloria, Stefania, Aspassia, Roberto, Laura, Alessandra, Donaldo, Aurelio, Silvia, Tommaso, Paola, Giuseppe, Selene, Simona, Giulia, Martina, Arianna, Nadia, Massimo, Niccolò, Deborah, Paola, Giorgio, Paolo, Cristiana, Luigi, Piersandro, Angela.


Renato Curcio, su questi temi e nell’ambito del suo lavoro di socioanalista, ha pubblicato:L’azienda totale,2002; Il dominio flessibile, 2003;Il consumatore lavorato, 2005; La trappola etica, 2006;I dannati del lavoro, 2007; Respinti sulla strada, 2009; con N. Valentino e M. Prette, La socioanalisi narrativa, 2012; Mal di lavoro, 2013; Il pane e la morte, 2014; La rivolta del riso, 2014; L’egemonia digitale, 2016.


ISBN 978-88-32043-04-4

formato 14x21

p. 112






Torna alla homepage




PIVA: 03917011003 | Uso dei cookies