Cerca:
Login: Password: Registrati
Ricorda password
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità
CONTATTI
INCONTRI SENSIBILI
RETE DI SENSIBILI ALLE FOGLIE

Altre Culture
Analisi istituzionale
Cantieri di socianalisi narrativa
Diversamente abili
Fantascienza
Fantasy
Immigrazione
Istituzioni totali
L'evasione possibile
Lutto
Malattia
Narrativa sociale
Pedagogia
Poesia
Progetto memoria
Psichiatria critica
Ricerca sociale
Scenari di guerra
scuola
Servizio sociale
Stati modificati di coscienza
Storie di vita
Tecnologie

L'AMBASCIATRICE DEI DRAGHI
Dettagli € 23,00

LA PORTA DEL MARE


Prezzo*: € 12,00 Inserisci nel carrello  Inserisci nel carrello

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

GIULIA SPADA, NICOLA VALENTINO 

a cura di


LA PORTA DEL MARE

SOCIOANALISI NARRATIVA DEI DISPOSITIVI DI GESTIONE NEOCOLONIALE DEI MIGRANTI


LABORATORIO TORRI DI BABELE 


Questo libro presenta i risultati di un cantiere di socioanalisi narrativa sulle esperienze lavorative all’interno di alcune delle nuove istituzioni per richiedenti asilo e protezione umanitaria, svoltosi tra la primavera e l’autunno dell’anno 2017 a Milano. Alla ricerca hanno partecipato operatori e operatrici che lavorano all’interno di queste strutture di “accoglienza” e che aderiscono al collettivo autogestito Laboratorio Torri di Babele. Dalla ricerca emerge che il circuito istituzionale, che inizia con la porta del mare, è caratterizzato dalla presenza di istituzioni totali a impronta coloniale che lavorano all’assoggettamento delle persone “ospitate”. Un’orma che è anche retaggio del passato coloniale europeo e italiano. Il cantiere narra diversi momenti conflittuali fra l’immaginario di accoglienza promosso da questo gruppo di operatori e operatrici, che si basa sul rispetto dell’autonomia e dell’autodeterminazione dei migranti, e le visioni istituzionali sintetizzabili nel motto: “Bisogna insegnar loro come si vive in Italia”. Auspichiamo che la ricerca favorisca una riflessione sul rifiuto da parte degli operatori di subire passivamente il ruolo e le mansioni entro cui vengono incasellati, ma anche che fornisca strumenti utili socialmente per orientarsi e contrastare la situazione attuale, improntata a un razzismo istituzionale, attraverso un immaginario che concepisca il muoversi e il sostare degli esseri umani sulla Terra come un processo libero e autodeterminato.


Nicola Valentino, nell’ambito del suo lavoro di socioanalista, in questa collana ha pubblicato: Istituzioni post-manicomiali, 2005; Pannoloni verdi, 2006; Barelle, 2008; I ghetti per i Rom, 2011; Medici senza camice, 2013. Per Sensibili alle foglie, ha inoltre pubblicato: nel 2012 I sogni di Palmi; con R. Curcio e M. Prette, La socioanalisi narrativa; nel 2017 Le istituzioni dell’agoniaL’arte ir-ritata.

Giulia Spada per queste edizioni ha pubblicato, nel 2016, con Annino Mele, Quando si vuole; con Luigi Spada, Cinque globuli rossi.


ISBN 978-88-32043-10-5

formato 14x21 cm

p. 96



Prodotti correlati
I DANNATI DEL LAVORO
RESPINTI SULLA STRADA




Torna alla homepage




PIVA: 03917011003 | Uso dei cookies