Cerca:
Login: Password: Registrati
Ricorda password
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità
CONTATTI
Recensioni
Recensioni seconda pagina
RETE DI SENSIBILI ALLE FOGLIE

Altre Culture
Analisi istituzionale
Cantieri di socianalisi narrativa
Cura di se'
Diversamente abili
Fantascienza
Fantasy
Immigrazione
saggi
storie
Istituzioni totali
L'evasione possibile
LIBRI SCARICABILI LIBERAMENTE
Lutto
Malattia
Narrativa sociale
Pedagogia
Poesia
Progetto memoria
Psichiatria critica
Ricerca sociale
Scenari di guerra
scuola
Servizio sociale
Sociopsicologia
Stati modificati di coscienza
Storie di vita
Tecnologie digitali

Conversazioni con un rivoluzionario
Dettagli € 14,00

LA SOLITUDINE MI STANCA


Prezzo*: € 13,00 Inserisci nel carrello  Inserisci nel carrello

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione



MOUSSA BASSIROU KANÉ


LA SOLITUDINE MI STANCA


Dove sia oggi l’Italia sul riconoscimento della dignità e dei diritti delle persone migranti ce lo racconta chi, partendo dal Mali e passando per la Libia, ha attraversato il cimitero del Mediterraneo su un barcone. Il suo sguardo ci colloca in quell’area “bianca” che resta indifferente alle proprie venature culturali e giuridiche indubbiamente razziste. Per questo la storia raccontata per frammenti poetici da Moussa Bassirou Kané – convinto che Dio abbia fatto il pianeta Terra molto ampio proprio per consentire a chi, come lui, non si sentiva bene in un posto, di cercarsene un altro per esistere in libertà e ricominciare da capo – va ascoltata con profonda attenzione e qualche vergogna. L’avventura di Moussa, infatti, racconta quanto sia stato arduo il suo viaggio e quante umiliazioni lo abbiano accompagnato. Con una scrittura a ritmo di rap egli denuncia in modo efficace tanto le condizioni sociali e politiche dei Paesi africani, quanto la miseria umana dei razzismi nostrani.


Moussa Bassirou Kanè, nato a Garalo (Sikasso) nel 1986, laureato in Diritto Privato, a Bamako era insegnante di francese. È in Italia da quattro anni. Nel solco della tradizione letteraria del Mali, che in passato trasmetteva la sua cultura con la recita o il canto di storie conosciute a memoria, si dedica con piacere al rap. Le sue poesie sono scritte per essere recitate. Nel 2019 ha pubblicato Una voce nella testa di un immigrato, Book Sprint Edizioni.


ISBN 978-88-32043-39-6

formato 11,50x20 cm

p. 80



Prodotti correlati
RAZZA E DIRITTO nell'esperienza coloniale italiana
INTANTO VADO
L'INTERPRETAZIONE DEL DOLORE
Non solo badanti
DI TERRA E DI MARE
LA NEMESI DELLA ROSSA
SPAZI MIGRANTI
RAZZISMO E INDIFFERENZA seconda edizione
CIE e complicità delle organizzazioni umanitarie
RAZZISTI A PRESCINDERE
La Frontiera abitabile




Torna alla homepage




PIVA: 03917011003 | Uso dei cookies