LONTANO DA BAGHDAD

6,00 €
Tasse incluse

Autore: Thea Laitef

Introduzione di Pino Blasone

Non disponibile


 

Informazioni sulle spedizioni

  Informazioni sull'acquisto dei libri in pdf

(quando il libro è disponibile in versione pdf)

"Ho iniziato a scrivere queste pagine durante la guerra del Golfo. La gente qui se ne stava incollata ai televisori. Quando ho visto la famosa scena del cielo di Baghdad formato cartolina, illuminato a giorno dai letali fuochi d'artificio, io non ho potuto resistere. Non avevo altra scelta: o correre di là a vomitare, o spegnere la televisione, o mettermi a scrivere.

Nato a Samarra nel 1955, Thea Laitef è un poeta e scrittore iracheno, per anni esule a Roma dove nel 1995 è morto in povertà, dopo varie peregrinazioni per motivi politici.

Il viaggio iniziatico resta il motivo fondamentale di questo saggio-racconto e si confonde fatalmente con quello dell'esilio, sulla scia del tenace archetipo letterario  di Gilghamesh/Ulisse/Sindbad,

"Ho amato Baghdad come solo si può amare un amore da cui ti senti respinto. In ogni città in cui ho soggiornato, in realtà non ho cercato struggentemente che lei. Ma in qualche misura non irrilevante quel firmamento appartiene a tutti noi. Alla nostra infanzia e adolescenza".

Poeta-scrittore irakeno, esule in Italia, Thea Laitef iniziò il racconto quando iniziarono i bombardamenti occidentali su Baghdad, nel 1991. I suoi ricordi ci restituiscono l’Iraq di prima e il difficile approdo in Italia.

Scheda tecnica

Formato
11x17 cm
Pagine
96
ISBN
88-86323-08-5
Prima edizione
1994