IL SERVIZIO SOCIALE DI TERESA OSSICINI CIOLFI: UNA SCELTA DI VITA

14,00 €
Tasse incluse

Autore: Giusepppe Certomà

Prefazione di Adriano Ossicini

Disponibile

 

Informazioni sulle spedizioni

  Informazioni sull'acquisto dei libri in pdf

(quando il libro è disponibile in versione pdf)

Teresa Ossicini Ciolfi è stata la più grande ricercatrice del servizio sociale italiano del ’900. La ricerca veniva intesa da lei non come sostituto dell’azione, ma come strumento di conoscenza-azione rivolta al cambiamento. A tale proposito diceva che le attività di ricerca non dovevano finire per riempire i vuoti determinati dalla mancanza di azione. L’assistente sociale doveva conoscere e agire nel proprio campo d’intervento per fare il bene della comunità. Il suo interesse per la ricerca era mosso da un’angoscia, ma questa non le impediva di agire; al contrario, era la condizione stessa della sua azione. Un capo carismatico come lei che doveva scegliere e decidere l’oggetto della ricerca non poteva non provare angoscia. Insomma, era un’angoscia positiva che la portava a fare della ricerca una scelta di vita. Per Teresa Ossicini Ciolfi la ricerca non aveva fine; era un processo interminabile, uno slancio vitale, una forte tensione ideale. La sua opera fondamentale, Ricerca e servizio sociale, è uno dei capitoli fondamentali della storia del servizio sociale. Ella ha ricostruito la sua opera originale volando liberamente con le ali dell’immaginazione e della creatività. È l’inizio di qualche cosa di nuovo che non ha precedenti nella storia del servizio sociale, e che può essere accostato all’evento miracoloso della natività: un bambino è nato fra noi. Con la morte di Teresa Ossicini Ciolfi è finito il servizio sociale della speranza, ossia quel servizio sociale che invita ad agire pensando il bene. Perché il fine ultimo del servizio sociale è sempre quello: far del bene alla gente, aiutare gli uomini nella lotta contro il dolore. 

Giuseppe Certomà (1942-2014) è nato a Stilo (RC). Assistente sociale e studioso delle problematiche del servizio sociale è stato allievo per due anni di Maria Calogero Comandini alla scuola Cepas e l’ha avuta come correlatrice della tesi “La sociologia di Émile Durkheim e il lavoro sociale”. Ha svolto un’intensa attività di ricerca sulle origini e i fondamenti culturali del servizio sociale.

Adriano Ossicini. Professore emerito di psicologia presso l’Università La Sapienza di Roma. Ha fondato, con Guido Calogero, il Cepas e con Giovanni Bollea il Centro Medico Psicopedagogico. Autore di numerose pubblicazioni.

Scheda tecnica

Formato
14X21 cm
Pagine
96
ISBN
978-88-89883-42-6
Prima edizione
2011

Potrebbe anche piacerti